320px-Flag_of_India.svg

Scritto il 6 marzo 2015 Da In Erasmus, On the Road Con 5812 Views

A cosa serve il dialogo – India

Le stesse domande a persone normali, alla ricerca di risposte semplici e banali ma allo stesso tempo concrete e vicine alla realtà: India

Amiel è un ragazzo quasi trentenne che studia per conseguire un PhD in Ingegneria, mi spiega che ha scelto di studiare in Scozia perché il percorso di studio è solo di tre anni, mentre in India sarebbe dovuto essere di cinque e si studiano argomenti meno specialistici.

viaggi-organizzati-india

Cosa ti manca del tuo paese?
“Mi mancano i prezzi del cibo che abbiamo noi, qua è tutto troppo costoso, se dovessi vivere in India con i soldi che mi da l’università qua farei la vita da ricco”.

E come è il cibo in India?
“E’ tutto più naturale, il pesce lo pescano giorno per giorno, e la frutta è sempre fresca e mai importata. E’ tutto più buono”.

Indian customers shop at an evening frui

Testo0213

Quale è la persona più importante nella storia dell’India passata o nella storia contemporanea?
“Tutti risponderebbero Gandhi, ma non sarebbe corretto attribuire solo a lui la gloria di quello che è successo nella storia. Accanto a Gandhi c’erano personaggi che meritano lo stesso ricordo, penso primo tra tutti a Subhas Chandra Bose”.

http://it.wikipedia.org/wiki/Subhas_Chandra_Bose

Quale è la cosa migliore del tuo paese?
“la natura e i paesaggi sono meravigliosi, e poi mi piace come viviamo la nostra vita giorno per giorno. Viviamo tranquilli con un obiettivo alla volta, senza pensare a grandi progetti ma solo tanti piccoli gesti quotidiani”.

E la peggiore?
“ci sono tantissimi problemi, primo tra tutti la corruzione tra le caste…
[la società è suddivisa in caste, è un argomento molto complicato per noi europei da comprendere, lascio a voi cercare informazioni su internet e su Youtube come ho fatto io per capirci qualcosa. Non voglio provare a scrivere ciò che ho capito da quello che ho letto o che mi è stato spiegato da Amiel perché non sono convinto di poter scrivere qualcosa che rispecchi completamente la realtà].
… e poi siamo in tantissimi nelle città, c’è gente ovunque” [mi viene in mente Raj Koothrappali, intramontabile personaggio della serie Big Bang Theory, che spesso pronuncia queste stesse identiche parole nel corso degli episodi].

20778_kunal-nayyar-es-rajesh-koothrappali

Ho letto articoli sulle condizioni disastrose nelle quali vivono i bambini girovagando per le stazioni di Nuova Delhi, tra droghe e borseggi, non dovrebbe essere questo il più grande problema?
“Si hai ragione, è molto diffuso questa situazione, infatti è rischioso camminare in determinate zone da soli perché si rischia di incontrare malvivenza”.

http://www.thepostinternazionale.it/mondo/india/i-bambini-indiani-che-sniffano-colla

quale è la cosa che nessuno conosce dell’India?
“Che siamo un paese vastissimo ed ogni regione possiede una diversa cultura, con diverse abitudini alimentari, e diverse lingue parlate”.

india044-2

La situazione per quanto riguarda gli Human Rights?
“abbiamo ancora tanto da fare: a dicembre c’è stato una forzatura per fare diventare hindi un gruppo di cristiani, inoltre il 25 dicembre tutti, anche i cristiani devono lavorare. Secondo me è mancanza di rispetto verso chi non professa la stessa religione. C’è troppa discriminazione”.

E’ un paese dove puoi realizzare i tuoi sogni?
“Purtroppo si, non sarà facile ma troverò una compagnia che mi assumerà e mi darà 300 pound al mese” [uno stipendio, a quanto pare, altissimo in India].

Cosa visitare in India?
“Abbiamo tantissimo da visitare e dipende da cosa ti piace e cosa vuoi visitare: nel nord ci sono le montagne, a sud ci sono spiagge bellissime.
Ed è bello il paesaggio Greenery”.

the-greenery-of-sillery-gaon

monsoon-greenery-india-picture

Hai qualcosa da aggiungere? Qualcosa che esiste in India e che non c’è qua, o viceversa?
“mmmmmm, potrei dire che qua c’è la courtesy (cortesia), prima di entrare nel pulman o in una stanza c’è sempre qualcuno che ti lascia entrare prima di lui, in India tutti si spingono, tutti vogliono entrare prima degli altri!”

Cosa pensi dell’Italia?
“ehhhhhh non so granchè, anzi, non so niente”.

[L’India è culturalmente distantissima dall’Europa e ne conosciamo veramente poco, solo cercando informazioni su Google ho scoperto cose che non ho mai avuto occasione di sapere, quindi consiglio a tutti di fare lo stesso e di interessarsi a questo universo culturale a cui non dobbiamo essere estranei nel 2015. Infatti l’india fa parte dei BRICS i cinque paesi che più di tutti stanno vivendo una enorme espansione economico-sociale, l’India la possiamo sentire ancora distante, ma non è detto che lo potrà essere anche tra dieci anni].

india (1)

 

Tags :

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *